i gatti persiani

il film di bahman ghobadi non sarà quel capolavoro che si dice ma è a tutti gli effetti il commitments iraniano (con finale iraniano però, sigh – tra l'altro c'è un'immagine che ricorda tanto donne senza uomini, sarà un caso).
si disperde un po' nei ritratti delle varie band, però questo aspetto documentario (e forse anche quello un po' videoclipparo) a me è piaciuto. sia pure per costrizioni produttive, risulta film di genere misto, poco definibile, che nel seguire i personaggi nei più improbabili anfratti cittadini ha un suo fascino anche al di là dell'argomento interessante/straziante (la vita quotidiana giovanile a teheran).  e la realizzazione ruvida nasconde sentiti omaggi al Cinema (il prologo autobiografico, le 2 citazioni di al pacino/de palma).
hanno ragione quegli snob degli inglesi a dire che la musica è derivativa, comunque io mi sono un po' affezionata ai take it easy hospital, forse proprio per la fragilità della loro musica in quel contesto poco accogliente. chissà in inghilterra cosa combineranno… auguri.

(nel frattempo, di panahi ancora nessuna notizia)

Annunci

Una risposta a "i gatti persiani"

  1. rose giugno 15, 2010 / 4:16 pm

    nota: panahi liberato il 24 maggio (dopo sciopero della fame)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...