filastrocche come vengono

o signora che spazzi le foglie
io non so di chi tu sia la moglie
né se covi colpevoli voglie
o signora che spazzi le foglie

Annunci

12 risposte a "filastrocche come vengono"

  1. Garnant novembre 13, 2004 / 5:49 pm

    :)))
    Da me spazzano le foglie con quell’orrendo rumorosissimo soffiafoglie, che non è in grado di ispirare rime.

    Mi piace

  2. Superqueen novembre 15, 2004 / 9:13 am

    Oddio! Il soffiafoglie! Uno degli oggetti più odiosi che conosca (sarà perchè al mio vicino, invece, piace molto, specie in questo periodo). Che strazio!

    Mi piace

  3. rose novembre 15, 2004 / 10:02 am

    soffiafoglie che soffi le foglie
    al sentirti un malore ci coglie
    pur se netti ben bene le soglie,
    o soffiafoglie.
    (e un ringraziamento alla signora.)

    Mi piace

  4. s. novembre 15, 2004 / 1:58 pm

    e io che dovrei dire? il “soffiatore” – soffiafoglie è bellissimo tuttavia! proverò a ribattezzarlo così anche coi miei colleghi! – ha rivoluzionato la vita di migliaia di stradini… anche una lavatrice fa rumore però vi sfido a tornare all’asse e al sapone! è una civiltà del rumore… e del massimo rendimento! però usare il soffiatore è divertente, devi sviluppare una certa abilità per spingere le foglie dove vuoi: in un mucchio – senza che il mucchio se ne voli per aria; oppure sopra il marciapiedi o dentro un’aiuola – facendo “fare” alle foglie “il gradino”.
    infine “how to rake leaves” è il manualetto di un autore di cui non ricordo il nome sullo zen e l’arte di raccogliere le foglie…
    ma avrò modo di tornare a parlare di attrezzi del mestiere in una delle proSSime “lettere”…

    Mi piace

  5. Garnant novembre 15, 2004 / 2:26 pm

    Rumore e massimo rendimento, solo a sentirli nominare avverto l’acidità di stomaco che peggiora. Come quando al mattino vedo il tizio col soffiafoglie e le cuffie antirumore nel cortile dell’ufficio.

    Mi piace

  6. rose novembre 15, 2004 / 3:27 pm

    brindo a un momento
    di minimo rendimento

    Mi piace

  7. s. novembre 15, 2004 / 3:35 pm

    amazon non è servito! il libro è bello, anni ’80 nella concezione e nel design. illustrato orrendamente, ma infinitamente poetico. ovviamente non si fa il minimo accenno a soffiatori! esclusivamente attrezzi manuali e… un bagno caldo nel bosco prima di mettersi all’opera!
    (garnant, ho letto un tuo vecchissimo post in cui esci dalla vasca da bagno – asciugamano a turbante in testa, odorosa di bacche – e carichi una lavatrice serale… il tuo contributo alla… kultura del rumore 😉 scherzi a parte, non conoscevo il tuo weblog ma adesso è fra i miei “preferiti”…)

    Mi piace

  8. Garnant novembre 15, 2004 / 4:29 pm

    Caro g., per quanto rumorosa, la centrifuga della mia lavatrice non richiede l’uso di cuffie tipo pista di decollo, e non spaventa le ghiandaie nelle belle mattine autunnali.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...